Iscriviti alla newsletter, riceverai 2 eBook
1. Miracle Noodle per il tuo benessere
2. 5 cibi che UCCIDONO il grasso Rispettiamo la tua Privacy

SPEDIZIONE GRATUITA SU TUTTI GLI ORDINI! CONSEGNA IN 24/48 ORE
RSS

Blog

I 5 livelli di resistenza che incontriamo all'inizio di una dieta

a cura del Dott. Jonathan Carp

Quando stai iniziando a costruire migliori abitudini alimentari attraverso una nuova dieta o un programma di perdita di peso, la strada per il successo è spesso lastricata di ostacoli. Definisco questi ostacoli i cinque livelli di resistenza.

Pensa all'ultima volta che hai iniziato una dieta alimentare o hai ripreso a fare regolare attività fisica. Per quanto tempo sei riuscito ad andare avanti? Quali fattori ti hanno impedito di seguire i passaggi necessari per raggiungere e mantenere un peso prefissato? Forse erano le voglie di cibo erano troppo forti o forse era un fattore emozionale - i tuoi cari dubitavano delle tue scelte e sentivi di non avere abbastanza supporto per portare a termine il tuo piano.

Oltre alle barriere fisiche ed emotive, ci sono altri tre livelli di resistenza quando si inizia una dieta o si cerca di seguire uno stile di vita più sano: sociale, intellettuale e spirituale. Analizziamo uno ad uno questi 5 livelli di resistenza:

1.   Livello di resistenza fisico

La resistenza fisica si riferisce alle vostre voglie e dipendenze alimentari. Quando cambiamo la nostra dieta, la dipendenza di alcuni dei cibi che mangiamo iniziano a emergere. Nella nostra alimentazione ci sono diversi alimenti che danno dipendenza e diventa più evidente quando il livello di zucchero nel sangue sale e scende. Qualsiasi cibo o bevanda che faccia alterare il livello di zucchero nel sangue provocherà dipendenza.

Zucchero

Quando consumi zucchero bianco o farina bianca, la glicemia aumenterà e sentirai aumentare la tua energia; questo effetto durerà un breve periodo e ti lascerà più stanco, iniziando ad innescare un processo di dipendenza. Lo zucchero rilascia anche la dopamina, che è associata al sistema di ricompensa o piacere del cervello. L'attivazione di questo sistema può innescare voglie di cibo.

Una glicemia stabile tiene sotto controllo le voglie di cibo.

Ci sono molti alimenti che possono accrescere il livello di zucchero nel sangue. Lo zucchero bianco, la farina bianca, la patata bianca, il riso bianco e qualsiasi chicco finemente raffinato farà salire e scendere la glicemia. Anche mangiare riso bianco e patate bianche da soli ti darà quell'effetto.

Latticini

Non è raro trovare persone che sono dipendenti al latte e formaggi. Nella mia pratica medica, ho un particolare interesse per la nutrizione e molti miei pazienti scoprono che i latticini sono uno dei cibi più difficili da abbandonare completamente; questo perché i latticini innescano un processo di dipendenza a causa di sostanze chimiche chiamate casomorfine . Questi sono in realtà correlati alla morfina, un antidolorifico che può anche creare dipendenza.

 

Quindi, come puoi eliminare queste dipendenze alimentari? Inizia con l'essere consapevole delle dipendenze che creano i cibi che mangi. Non ti sto dicendo di rinunciare al formaggio, anche se ci sarebbero indubbi benefici per la salute, ma devi essere consapevole che crea dipendenza, quindi pensaci prima di prendere un'altra porzione! Nella pratica ho constatato che ci vogliono circa tre settimane per le persone a superare la dipendenza da formaggio. Sappi che questo aumenta anche il rilascio di insulina. Maggiore è il livello di insulina, maggiore è il rischio di sviluppare malattie croniche come il cancro poiché crea un disequilibrio ormonale nel corpo che non favorisce una salute ottimale.

Per saperne di più sui fattori che contribuiscono alle dipendenze alimentari, ti consiglio di leggere The Pleasure Trap di Douglas J. Lisle .

Quando ricevi questa grande dose di calorie, grassi e zuccheri, tutti i centri del piacere nel tuo cervello si illuminano. Un prototipo di questa tipologia di alimento è il gelato, perché non c'è niente di più piacevole da mangiare. Sfortunatamente è una bomba per noi, poiché contiene grassi, latticini e zuccheri!

2.   Livello di resistenza emotivo

Ci sono anche barriere emotive nel cambiare la tua dieta. Tutti noi abbiamo determinati cibi che mangiamo su base emotiva. Abbiamo anche modelli di comportamento che ci fanno sentire bene a cui non vogliamo rinunciare, come certi cibi che mangiamo. Il modo migliore che ho trovato per superare questa barriera è trovare alternative migliori al cibo. Questo è qualcosa su cui molte persone non dedicano molto tempo, perché pensano che devono semplicemente sbarazzarti del cibo.

Prendiamo la torta come esempio. C'è un modo di preparare una torta che non farà alzare la glicemia? C'è un modo per fare una torta senza formaggio e latticini?

Si, c’è sicuramente; c'è farina di mandorle e ora ci sono tutti i tipi di tipi di farina da forno a basso indice glicemico. Io uso la farina di mandorle quando ho voglia di una torta e posso farlo molto facilmente. I sostitutivi non sono mai come l’originale, ma puoi sempre trovare qualcosa che lo renderà migliore e le tue papille gustative apprezzeranno presto il loro gusto.

Cerca di comprendere l'aspetto emotivo delle tue scelte alimentari, sapere come e perché scegliete determinati alimenti. Mangi barrette di cioccolato quando sei stressato? Mangi pizza e gelato per rilassarti e premiarti il venerdì sera?

3.   Livello di resistenza sociale

La resistenza sociale tratta di relazioni e di come queste influenzano le decisioni che prendiamo e la forza che abbiamo nel portare avanti queste decisioni. Quando inizi una nuova dieta, un programma di fitness o qualsiasi altro progetto importante che sai che cambierà la tua vita in meglio, fai attenzione a chi ne parli.

Potremmo essere entusiasti di condividere le cose che funzionano per noi, ma non tutti saranno di supporto e ricettivi. C'è un’inerzia in tutte le persone intorno a te che si stanno muovendo nella stessa direzione. Quando inizi ad andare in una direzione diversa, alcuni ti vogliono continuare a spingere nella loro direzione. Alcuni potrebbero volere il meglio per te, ma non sanno come sostenerti. Questo è il motivo per cui spesso dico alle persone di non dire agli altri dei cambiamento delle proprie abitudini alimentari fino a quando non lo chiedono esplicitamente.

Quando le persone iniziano a notare che sei più felice e migliore di prima e ti chiedono che cosa stai facendo, questo è il momento per condividere con loro il tuo segreto. Ogni volta che ti senti tentato di condividere, ricorda questa citazione dell'ex atleta, allenatore e analista americano Lou Holtz:

"Non dire mai i tuoi problemi a nessuno ... al 20% non importa e all'altro 80% è contento che tu li abbia!" Beh, la stessa cosa vale per la trasformazione personale - non condividerla a meno che la gente non ti chieda.

L'unica persona con cui dovresti assolutamente parlare quando stai apportando grandi cambiamenti alla tua dieta e stile di vita è il tuo dottore, soprattutto se sei diabetico o se stai assumendo farmaci per il diabete o per la pressione alta.

Se troviamo qualcosa di sorprendente che ci aiuta a migliorare la nostra vita il miglior modo per essere d’aiuto agli altri è aspettare che si avvicinino a noi per chiedere che cosa stiamo facendo.

4.   Livello di resistenza intellettuale

Il livello di resistenza intellettuale è provocato dai vari consigli dietetici e dalle varie diete che conosciamo che in genere causano in noi molta confusione. Questa confusione provoca una resistenza nell’iniziare il nuovo piano alimentare perché non abbiamo più certezze sulla strada giusta da seguire. Ci possono essere molte informazioni su cosa mangiare o cosa evitare, una certezza su cui tutti sono d’accordo è che dobbiamo aumentare la quantità di verdure. Un altro punto fermo è che dobbiamo controllare le porzioni.

Sappi che sei pienamente in grado di fare le scelte giuste riguardo il tuo piano alimentare. Sei in grado di comprendere le informazioni a tua disposizione a livello intellettuale, in modo da poter prendere decisioni, anche a livello sociale, e lo potrai anche spiegare alle persone che ti mettono in discussione. Puoi quindi iniziare a capire perché stai prendendo queste decisioni a livello emotivo e fisico e prendere altre decisioni che potrebbero essere vantaggiose per te.

Per i miei pazienti che hanno malattie autoimmuni croniche come la psoriasi, dico sempre che ci sono cambiamenti nello stile di vita che potrebbero apportare miglioramenti, ma la maggior parte delle persone non è disposta a farli; dobbiamo rispettare le decisioni che le persone hanno preso per sé stesse, perché siamo tutti responsabili prima di tutto di noi stessi. Se le persone non sono aperte a fare questi cambiamenti, allora dobbiamo rispettare questa decisione.

5. Livello di resistenza spirituale

Il livello di resistenza spirituale è un ostacolo solo se non siamo consapevoli dell'importanza dell'aspetto spirituale nel nostro percorso verso la salute. Ognuno di noi è molto di più del propio corpo, più ci identifichiamo con l'aspetto non-fisico, più facilemte riusciremo ad ottenere risultati sul nostro fisico.

Quando ci rendiamo conto che la nostra coscienza, la nostra anima ed il nostro spirito è molto più del nostro aspetto fisico, allora diventiamo consapevoli di avere molto più controllo sulla nostra immagine. Possiamo usare questa conoscenza per essere in grado di cambiare e diventare ciò che vogliamo essere. Se vogliamo essere una nave più perfetta, significa che lavoreremo sodo per assicurarci che i nostri corpi siano nel loro stato più sano.

La salute è molto più complicata del semplice mangiare sano, ma possiamo fare del nostro meglio per prendere decisioni per noi stessi al fine di modificare l'immagine di sè, riconoscendo che siamo più di un semplice corpo e siamo in grado di modificarlo apportando le modifiche necessarie. Quando riconosciamo che il nostro spirito è connesso al nostro corpo, vogliamo che questa connessione sia la più sana possibile.

Se sommiamo i cinque livelli: fisico, emotivo, sociale, intellettuale e spirituale, otteniamo un'incredibile sintesi di cose che lo rendono così potente. È come una corda solida e sicura che ha cinque diversi fili. Potrebbe essere necessario del tempo per essere consapevoli di questi cinque livelli, ma puoi iniziare subito a notare come ti senti dopo aver mangiato formaggio, farina bianca o patate.

Quando noterai quali sono le tue voglie  due o quattro ore dopo aver mangiato queste cose, allora potrai decidere di cambiare le tue abitudini e invece di mangiare snack zuccherati, potrai mangiare una manciata di noci che non hanno alcun impatto sul tuo zucchero nel sangue. Anche i mirtilli, pur essendo dolci, non hanno impatto sul livello di zucchero nel sangue. Scegli i cibi che non fanno aumentare la glicemia e presta attenzione a come si sente il tuo corpo.

 

La differenza tra prebiotici, probiotici e postbiotici e loro benefici

Quando parlo di Miracle Noodle, che funge da prebiotico, una delle domande più comuni che mi vengono poste è "Qual è la differenza tra un prebiotico e un probiotico?" Ora dobbiamo aggiungere anche i postbiotici.

Ciò che è eccitante è che siamo solo all'inizio della conoscenza dell'importanzai degli organismi che vivono nel nostro intestino.

Prebiotici vs Probiotici

I prebiotici sono un tipo di fibra che i batteri benefici nell'intestino possono digerire e utilizzare come combustibile per i probiotici. Puoi pensare ai prebiotici come carburante per i probiotici. I probiotici sono batteri benefici che si trovano nell'intestino.

Postbiotici

Ogni volta che ingerisci i probiotici, i batteri intestinali agiscono su di essi e questo processo crea sostanze chimiche e composti benefici che possono essere utilizzati dal corpo in modi diversi. Ad esempio, quando mangi i Miracle Noodle, i tuoi batteri intestinali creano degli acidi grassi a catena corta , che non hanno solo effetti benefici all'esterno dell'intestino, ma anche al suo interno.

In altre parole, i probiotici possono fungere da combustibile per i colonociti o le cellule che rivestono il colon. Quando ingeriamo fibra solubile si creano acidi grassi a catena corta; questi sono i postbiotici ovvero le sostanze chimiche e i composti rilasciati nel processo di trasformazione che hanno una serie di benefici per la nostra salute.

Un altro esempio è quando mangiamo semi di lino, una sostanza chimica viene rilasciata dai batteri che agiscono sul lino e questo ha lievi effetti estrogenici. Ecco perché alcune persone pensano che mangiare troppo lino crei troppi estrogeni. Se consumi solo due cucchiai di lino al giorno, non devi preoccuparti, questa quantità avrà solo effetti benefici sul tuo organismo.

Ogni alimento che ingeriamo quando viene digerito rilascia una serie di sostanze chimiche. Quando viene digerita la fibra rilascia vari prodotti chimici. I benefici associati ai probiotici non sono solo legati al batterio stesso, ma a ciò che i batteri rilasciano.

Riassumendo 

  • I prebiotici sono l'alimento per i batteri benefici nell'intestino.
  • I probiotici sono batteri buoni che possono vivere nell'intestino.
  • I postbiotici sono le sostanze chimiche rilasciate dai batteri che vivono nell'intestino quando questi si nutrono di molecole di fibra.
  • I veri benefici dei probiotici si trovano nelle sostanze chimiche che vengono rilasciate durante il processo metabolico.

SUGGERIMENTO: se aggiungi fibra alla tua dieta, puoi mangiare un alimento amido resistente come la farina di banana verde, perché questa rilascerà acidi grassi a catena corta che contribuiranno a regolare la glicemia. Quando i batteri processano l'alimento amido resistente, rilasciano queste sostanze chimiche che hanno effetti benefici non solo nell'intestino, ma anche in tutto il corpo. La farina di banana verde è un alimento salutare che viene utilizzato da tantissimi anni soprattutto dalle popolazioni caraibiche.

Spero che questo articolo vi sia stato d'aiuto a capire la differenza tra prebiotici, probiotici e postbiotici. 

Per la vostra salute

Dott. Jonathan Carp

Fibra Solubile e Prebiotici: alleati per la vostra salute.

Iniziamo con il chiarire cosa sono i prebiotici (da non confondere con i probiotici) e che funzione hanno all'interno del nostro organismo.

I prebiotici sono fibre solubili non digeribili che nutrono e stimolano la crescita e l'attività dei batteri benefici nell'intestino.

 

Questi batteri oltre a promuovere il benessere intestinale, supportano la digestione ed offrono numerosi benefici per la salute a lungo termine.

 

La fibra solubile, oltre a nutrire la flora batterica del nostro intestino svolge altri importanti compiti, vi riassumo i più importanti:

  • permette una digestione più lenta e completa
  • uniforma i livelli di zucchero nel sangue, in modo da non avere picchi
    glicemici che portano ad attacchi di fame.
  • vi fa sentire sazi!

 

Nella nuova generazione di Miracle Noodle abbiamo aumentato la percentuale di farina di Konjac e quindi di fibra solubile, migliorandone la consistenza, eliminando totalmente l'odore caratteristico e rendendoli ancora più salutari.

 

Quali sono le migliori verdure da abbinare agli shirataki Miracle Noodle?

Le migliori verdure da utilizzare

I nutrizionisti consigliano di mangiare vegetali basandosi sui colori dell'arcobaleno , come ad esempio peperoni rossi, melanzane viola, carote arancioni, ecc ... In realtà le verdure più sane sono di colore verde. Ad esmpio: spinaci, broccoli, cavoli, bietole , cavoli, fagiolini, asparagi e zucchine.

Queste verdure, a patto che non siano troppo cotte, contengono i più potenti fitonutrienti del regno vegetale.

Le verdure verdi, cotte a vapore o fatte saltare brevemente in padella, abbinate ad una proteina magra, sono la cosa più sana da aggiungere a un piatto di Miracle Noodle



Alcune verdure che hanno una brutta reputazione, ma sono salutari se consumate con moderazione.

Alcune verdure hanno un elevato livelo di carboidrati, questo perchè hanno molte fibre, quindi la conversione dell'amido in zucchero è molto più lento rispetto, ad esempio, alle patate.

Le carote sono probabilmente in cima alla a questa lista; sono escluse da molte diete estreme, ma sono una fonte molto importante di beta-carotene, un precursore della vitamina A. Le carote tagliate ala julienne e fatte cuocere per pochi minuti sono ottime con i Miracle Noodle perchè aggiungono al piatto una sensazione di croccantezza.

Anche le barbabietole, per il loro contenuto di zuccheri, sono escluse da molte diete. In realtà, mangiate con moderazione, possono contribuire a disintossicare il fegato..


Storie di successo: April, -68 kg in 2 anni

"Io sono una grande fan dei vostri prodotti, e grazie al loro utilizzo, oltre ad altri cambiamenti nel mio stile di vita, ho perso oltre 68 kg dal 2013.

"Una delle cose di cui ho sentito più la mancanza quando ho iniziato una dieta povera di carboidrati, erano i cereali a colazione; in effetti in commercio ci sono alternative con pochi carboidrati ma hanno tutte molte calorie poichè sono a base di frutta secca.

​"Così ho pensato di utilizzare Miracle Rice shirataki anche per la colazione, creando una crema saporita, che sazia e con poche calorie.

"Prendo due pacchetti di Miracle Rice, li risciacquo molto bene sotto l'acqua corrente e li sminuzzo per alcuni minuti in un robot da cucina.

"Aggiungo nel robot una composta di frutta senza zuccheri, un dolcificante naturale con poche calorie e una generosa quantità di cannella.

"Metto il tutto nel microonde per un paio di minuti e guarnisco con un paio di noci.

"Per me è una colazione molto buona e veloce da preparare.

"Grazie per i vostri fantastici prodotti!

--April W.
West Linn, OR

Congratulazioni, April!

Perdere 68 kg in 2 anni sembra impossibile! In realtà sono quasi 3 kg al mese, 800g a settimana; facendo i conti sembra fattibile, è solo questione di costanza.

Come può testimoniare April, la chiave per la gestione del peso nel lungo periodo è poter cucinare piatti con pochi zuccheri e amidi, veloci da preparare e che diano un senso di sazietà prolungato.

Grazie April per aver condiviso la tua storia di successo!

Gazzetta dello Sport: Udinese Calcio utilizza la pasta shirataki per rimettere in forma i propri calciatori!

Ieri è uscito sulla Gazzetta dello Sport questo interessante articolo sul ritiro dell' Udinese e mette in evidenza l'utilizzo degli shirataki Miacle Noodle come parte integrante dell' alimentazione dei calciatori:

http://www.udineseblog.it/…/L-quote-Udinese_si_all…/9/190193

La collaborazione tra Udinese Calcio e Miracle Noodle dura da oltre un anno e sta fornendo risultati molto interessanti, come testimoniato dal Dott. Fabio Tenore, medico sociale.

Gli shirataki Miracle Noodle permettono, sopratutto la sera, di ridurre drasticamente le calorie dei calciatori senza dover comunque rinunciare ad un gustoso primo piatto.